Come diventare Social Media Manager nel 2020: la mia esperienza e i miei consigli.

Come si diventa Social media manager?

Quale corso bisogna frequentare per diventare Social media manager?

Quale titolo di studio bisogna avere per diventare Social media manager?

Queste sono le domande più frequenti che mi vengono poste sia in privato sia quando ho partecipato a qualche evento formativo.

In questo articolo proverò a chiarire ogni dubbio riguardo questa professione raccontandoti la mia esperienza ed il mio percorso professionale.

Partiamo innanzitutto dal chiarire subito il ruolo e le competenze di questa figura professionale.

Il Social Media Manager non è un nerd, né colui che sa smanettare al pc!

Questo è uno dei tanti errori che continuamente mi trovo ad affrontare quando collaboro con aziende che hanno affidato i loro canali di comunicazione a persone che non hanno competenze in questo settore.

Le conseguenze spesso sono il non raggiungimento degli obiettivi, o peggio ancora problemi legati ad una comunicazione non corretta che si riversano sull’azienda.

“Tanto lo fa mio cugino, che ci vuole basta postare una foto, basta scrivere qualcosa su Facebook”.

Queste sono le classiche considerazioni che puntualmente riscontro durante i miei colloqui conoscitivi con i clienti.

Sbagliato.

Per fare questo lavoro c’è bisogno di un vero e proprio professionista che abbia piena conoscenza non solo delle dinamiche dei Social da presidiare, ma che sappia analizzare tutto ciò che riguarda anche l’azienda presa in “gestione”.

Ricordiamoci che questa figura professionale gestisce la presenza sui social media di brand, prodotti, organizzazioni e spesso i risultati economici sono legati a questa gestione.

Chiarita la questione del cugino e dello smanettone di turno, vediamo nello specifico di cosa si occupa chi fa questo lavoro.

Cosa fa quindi il Social Media Manager?

  • Analizza l’azienda presa in gestione
  • Analizza la concorrenza
  • Elabora una strategia di brand Communication e sceglie la piattaforma social da utilizzare
  • Realizza un piano editoriale stabilendo che tipo di contenuti creare e con quali tempistiche pubblicare
  • Definisce i compiti dell’advertising (qualora ci sia del budget messo a disposizione dal cliente)
  • Definisce le KPI, ovvero gli indicatori di performance della propria attività
  • Misura tutti i dati ottenuti nel tempo e presenta i report di questi ai clienti
  • Rivede gli errori commessi e cerca di migliorare là dove possibile (gli indicatori servono a questo).

Per ricoprire questo ruolo è necessario avere queste competenze tecniche, impossibili da improvvisare!.

Per questo è importante capire quale percorso seguire per acquisire tutto il materiale ed esercitare questa professione.

Come si diventa Social Media Manager?

La strada per diventare un professionista del Web non è del tutto semplice.

In primis bisogna avere dei requisiti che secondo la mia esperienza sono essenziali per questo tipo di lavoro:

  • Curiosità
  • Creatività
  • Costanza
  • Autocritica

Perché bisogna avere questi requisiti? Analizziamoli.

Partiamo dalla curiosità.

Chi si avvia a questa professione deve sapere bene che la formazione giornaliera è la chiave del successo, quindi se sei curioso, se ti piace leggere articoli, libri, novità e tutto quello che succede sul Web e sui principali Social Network, questo lavoro fa per te!

Quello che succede sul Web e sui Social viaggia ad una velocità incredibile.

Quello che funziona oggi non potrebbe funzionare domani, per questo bisogna aggiornarsi e studiare ogni giorno.

È anche questo il motivo per il quale tra i requisiti essenziali ho elencato la costanza.

D’altronde si sa, come raggiungere un traguardo? Senza fretta ma senza sosta!

La creatività è un altro elemento essenziale per un Social Media Manager.

In un mondo ormai pieno di informazioni come quello dei Social Network, creare dei contenuti differenti è indispensabile per distinguersi dalla concorrenza e suscitare attenzione nei confronti del target di riferimento.

In fine e non per ordine di importanza, l’autocritica.

Bisogna essere capaci di porsi le giuste domande, capire dove abbiamo sbagliato e cosa possiamo fare per migliore la comunicazione e i risultati dell’azienda per la quale lavoriamo.

Il passo successivo è quello di fare esperienza, proporsi a delle agenzie di web e social media marketing oppure iniziare con qualche progetto personale.

Bisogna sporcarsi le mani, studiare, fare pratica e migliorare!

Quale corso bisogna frequentare per diventare Social media manager?

La risposta a questa domanda è: NON ESISTE UN SOLO CORSO!

Per chiarire subito la mia risposta, ti racconto quella che è la mia esperienza ed il mio percorso formativo. Avevo da poco finito la scuola superiore quando decisi di iscrivermi ad un istituto universitario.

Nel frattempo cresceva sempre di più la passione per il marketing, quindi iniziai prima a leggere quelli che erano considerati i migliori libri in circolazione, poi grazie ad internet studiavo quotidianamente tutto ciò che riguardava questa materia.

In particolar modo andavo alla ricerca costante di casi-studio. Avendo un approccio analitico, amavo leggere i numeri e i risultati di un’azienda.

Fu in quel preciso momento che capii l’importanza del marketing associato al mondo digitale, quindi iniziai ad approfondire la mia conoscenza dei principali Social Network.

A quel tempo esisteva solo Facebook.

Scelsi di abbondonare definitivamente l’università per dedicarmi ai miei studi sul marketing digitale e iniziai a collaborare con diverse Web Agency.

Successivamente ho aperto la mia P.IVA ed oggi lavoro come libero professionista.

Questa è la mia esperienza formativa.

Ho studiato tutti i giorni, ho preso parte a tanti eventi formativi, ho letto tantissimi libri, ho frequentato e frequento ancora oggi i gruppi più popolari di Facebook che trattano materie relative al Social Media Marketing.

Insomma, ho appreso e apprendo quotidianamente i “trucchi” del mestiere e con il lavoro metto in pratica tutto quello che ho imparo ogni giorno.

Con questo non voglio dire che i corsi sono inutili, anzi in rete esistono diverse Academy con docenti e professionisti del settore, come Ninja Academy, Studio Samo, Digital-Coach.it.

Anche io quando sento la necessità di fare un riepilogo generale su una determinata materia cerco il corso che più si addice alle mie esigenze.

Questo perché la quantità di informazioni erogate tutti i giorni dal Web superano abbondantemente il tempo che ho a disposizione e un corso mette assieme tutte le informazioni di cui ho bisogno.

Quindi valuta la tua formazione, i tuoi punti deboli, dove vorresti migliorare e scegli in base a questi elementi.

Per concludere posso dire con certezza che la digitalizzazione è il nostro presente e sarà il nostro futuro e figure professionali come quelle del Social Media Manager saranno sempre più richieste dal mercato del lavoro.

Per qualsiasi dubbio sul corso da scegliere lascia un commento o scrivimi in privato.
Sarò lieto di aiutarti!

Questo articolo ha 2 commenti.

Lascia un commento

Chiudi il menu

Ciao!
Ti sei iscritto alla mia Newsletter?

  • Avrai accesso a tutte le risorse:
  • Email di news sul mondo dei social
  • Guide e tecniche pratiche per migliorare le tue Ads
  • Contenuti pazzeschi riservati agli iscritti

Ciao!
Ti sei iscritto alla mia Newsletter?

  • Avrai accesso a tutte le risorse:
  • Email di news sul mondo dei social
  • Guide e tecniche pratiche per migliorare le tue Ads
  • Contenuti pazzeschi riservati agli iscritti

Ciao!
Ti sei iscritto alla mia Newsletter?

  • Avrai accesso a tutte le risorse:
  • Email di news sul mondo dei social
  • Guide e tecniche pratiche per migliorare le tue Ads
  • Contenuti pazzeschi riservati agli iscritti

Ciao!
Ti sei iscritto alla mia Newsletter?

  • Avrai accesso a tutte le risorse:
  • Email di news sul mondo dei social
  • Guide e tecniche pratiche per migliorare le tue Ads
  • Contenuti pazzeschi riservati agli iscritti

Grazie per esserti iscritto alla mia Newsletter!

Come promesso, non ti invierò nessuna mail spam!